Sito CO2 Neutral

 


by Doveconviene.it

Chi è online

 16 visitatori e 2 utenti online

Statistiche

Tot. visite contenuti : 1026455

Sitemeter

 

Site Meter

Home News Da Civitavecchia un sonoro schiaffo ai comitati del SI di Saline Joniche

Da Civitavecchia un sonoro schiaffo ai comitati del SI di Saline Joniche PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Sabato 25 Ottobre 2014 07:43

Riceviamo e pubblichiamo da Movimento No coke Alto Lazio

 

Il “carbone pulito” di Civitavecchia

L’impudenza delle tesi del fronte SI al carbone di Saline Ioniche nel parlare del “carbone pulito” della centrale di Torrevaldaliga nord a Civitavecchia (QUI L'ARTICOLO) e la sfrontatezza con cui vengono forniti dati ben lontani dall’essere reali, sono un offesa, oltre che per l’intelligenza umana, per i nostri tanti cari che stanno pagando sulle proprie carni la presenza di quella maledetta centrale sul territorio.

 

Civitavecchia, anche grazie al “carbone pulito”, (“maddeche?” recitava un vecchio striscione) è al primo posto nel Lazio e al terzo in Italia per mortalità causata da tumori ai polmoni, alla trachea e ai bronchi, le leucemie e i linfomi sono diffusi con percentuali nettamente superiori rispetto alla media nazionale e infine vi è un eccesso di mortalità per infezioni acute delle vie respiratorie e per malattie dell’apparato genito-urinario.

 

Dati che palesano, in tutta la loro evidenza, l’insostenibilità rappresentata dalla servitù energetica sul nostro territorio e sulle nostre stesse vite e che il “carbone pulito” non esiste, né a Civitavecchia né altrove!

Esiste invece quello nero ed inquinante che è causa, in Italia, di una morte prematura al giorno e di danni al Paese stimabili in circa 2 miliardi di euro l´anno; mentre in Europa quella stessa produzione causa quasi 1.100 casi di morti premature l´anno e danni per 4,3 miliardi di euro.

D’altronde che il “carbone pulito” non esistesse a Civitavecchia lo aveva detto anche il Ministero delle Attività Produttive nel 2008, in una lettera di risposta ai cittadini che chiedevano urgentemente un chiarimento a fronte della campagna di pubblicità ingannevole di Enel, sull’esistenza a TVN di tecnologie prodigiose che si potessero paragonare a quella del Clean coal, ma che non erano mai state realizzate.

Hanno ragione quindi i Comitati Grecanica Sviluppo e Vedere Chiaro: i risultati dell’utilizzo di tale obsoleto combustibile sono tutti a favore della centrale” anzi, per dirla meglio sono esclusivamente a favore dei profitti di chi gestisce tali centrali (pochi) a scapito dei tanti che pagano con la propria salute, la propria vita e la negazione del proprio futuro (tanti).

Il carbone, per usare il gergo degli economisti, è pieno di “esternalità”, cioè impone costi pesanti alla società in termini sanitari e di perdita di economia. È la fonte di energia più inquinante e dannosa

In Italia si brucia carbone soltanto perché è un combustibile economico per i produttori di energia, che per inquinare non pagano a nessuno il costo del danno sanitario e ambientale-economico che si riversa interamente sulla collettività a fronte di enormi profitti per chi produce energia.

Non a caso delle 23 centrali che il colosso Enel, dice di voler chiudere perché improduttive non ci sono quelle che invece gli assicurano il massimo dei profitti, ovvero quelle a carbone di Civitavecchia e Brindisi.

L’ennesimo comunicato di questi giorni del fronte del si al carbone di Saline Ioniche, è la prova che con la cattiva fede si può veramente scrivere di tutto, anche che a Civitavecchia si vive bene sotto una centrale di 1980 MW a carbone.

Prima di parlare vengano, questi signori, a visitare i nostri reparti oncologici; vengano a vedere la profonda crisi occupazionale in cui versano, nonostante l’ingombrante presenza di due centrali, i comparti metalmeccanici ed energetici, ma soprattutto non mistifichino la realtà omettendo di dire che :

  • Che il 90% dei cittadini del comprensorio avesse, a suo tempo, detto no al carbone e sia tutt’ora contraria;
  • Che il carbone è stato imposto ai cittadini solo grazie alle compensazioni economiche elargite ai sindaci del comprensorio in cambio del silenzio sulle ricadute inquinanti del carbone;
  • Che il rilevamento della qualità dell’aria è ancora realizzato con la rete delle centraline di Enel tramite un consorzio composto dagli stessi sindaci e finanziato dallo stesso gestore elettrico, con una paradossale corrispondenza tra controllato e controllore.
  • Che l’autorizzazione integrata ambientale (AIA) rilasciata per la centrale a carbone di Torrevaldaliga Nord contiene numerose deroghe a leggi Nazionali e Regionali, non ha tenuto in alcun conto il devastante quadro sanitario del comprensorio che si attesta tra i più gravi della Regione e dell’Italia ed è addirittura peggiorativa della già pessima Valutazione d’Impatto ambientale rilasciata nel 2003:
  1. Deroghe sui limiti emissivi del Monossido di Carbonio (CO)
  2. Deroghe sull’efficienza energetica prevista dalle Migliori Tecnologie Disponibili
  3. Deroghe sul tipo di carbone, chiaramente più inquinante
  4. Deroghe alla prescrizione VIA relativa al sistema di completa pressurizzazione dei nastri trasportatori del carbone
  5. Deroghe sulle modalità di smaltimento delle acque e delle ceneri
  6. Incremento delle quantità di carbone da bruciare;
  7. Incremento delle ore di funzionamento della centrale;

Questo è il carbone pulito di Civitavecchia.

Non esistono compensazioni economiche, l’esborso di contributi o la sponsorizzazione di qualsivoglia opera più o meno utile che possano assolvere cattive coscienze e ripagare dei danni subiti e quanto sottratto alla nostra vita, ovvero il diritto di avere un futuro.

Per questo, per legittima difesa, continueremo a combattere quella maledetta centrale, fino a che ENEL, e quanti come lei, come richiesto anche da Greenpeace, non  azzerino la produzione di energia a carbone sostituendo quest’ultimo con fonti pulite e rinnovabili.

 

Movimento No coke Alto Lazio

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Fai una donazione

Sostieni la lotta contro il carbone, fai una donazione al Coordinamento Associazioni Area Grecanica

Seguici su

banner fb.jpg

Petizione "No Coke"

Diffondi

Diffondi il nostro sito

Io dico No

poster.jpg

Borghi Solidali

Borghi Solidali


feed-image Feed Entries

Informazione

Immagine
Serata dance anni 70 - Raccolta fondi contro il carbone
Giovedì 12 Giugno 2014
Il 2 Maggio 2014 la SEI S.p.A. cita in giudizio quattro cittadini dell'area grecanica chiedendo un risarcimento di 4 MILIONI di euro per un presunto... Leggi tutto...
Immagine
Fumo nero dalla ciminiera di Saline: cosa ha bruciato?
Lunedì 09 Settembre 2013
Sorpresa, incredulità, apprensione, inquietudine, sgomento sono questi i sentimenti che hanno pervaso la maggior parte della cittadinanza del... Leggi tutto...
Immagine
Il Coordinamento No Carbone vicino ai cittadini di Taranto
Sabato 06 Aprile 2013
Il 7 aprile 2013 a Taranto ci sarà un’importante manifestazione per dire NO alla legge ”Salva Ilva”. Per salvaguardare i “rischi per... Leggi tutto...
Immagine
SENTENZA PORTO TOLLE: GREENPEACE, LEGAMBIENTE E WWF “IRRISOLTE LE QUESTIONI CHE DETERMINARONO BOCCIATURA PROGETTO ENEL”
Mercoledì 20 Giugno 2012
Sulla decisione del Consiglio di Stato, che permette il proseguimento della procedura di Valutazione d’Impatto Ambientale (VIA) per la conversione... Leggi tutto...
Immagine
Zero emissioni per il sito del Coordinamento No Carbone Saline
Sabato 02 Giugno 2012
Questo sito è stato pensato, progettato e realizzato utilizzando tecniche che si propongono un abbattimento delle emissioni di anidride carbonica... Leggi tutto...

News

Immagine
Da Civitavecchia un sonoro schiaffo ai comitati del SI di Saline Joniche
Sabato 25 Ottobre 2014
Riceviamo e pubblichiamo da Movimento No coke Alto Lazio   Il “carbone pulito” di Civitavecchia L’impudenza delle tesi del fronte SI al... Leggi tutto...
OPPONITI ALL'ESPROPRIO!
Giovedì 31 Luglio 2014
  ATTENZIONE !!! DARE MASSIMA DIFFUSIONE !!! Nelle scorse settimane è stato pubblicato dalla SEI S.p.a., l’ELENCO DEI TERRENI sui quali verrà... Leggi tutto...
Immagine
Sotto sequestro Tirreno Power, centrale a carbone modello per SEI-Repower
Mercoledì 12 Marzo 2014
“Vado Ligure, disposto il sequestro della centrale a carbone”,  questa la notizia diffusa nella giornata di ieri, dai tutti gli organi... Leggi tutto...
Immagine
Centrale a carbone: discussione ricorsi rinviata a maggio
Domenica 02 Marzo 2014
Davanti alla sezione 2 quater del Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, sezione di Roma, venerdì 28 febbraio è stato chiamato il ricorso... Leggi tutto...
Immagine
L'Arcivescovo G.F. Morosini incontra il Coordinamento No Carbone
Martedì 21 Gennaio 2014
Nella mattinata di oggi, martedi 21 gennaio, una delegazione del Coordinamento Associazioni Area Grecanica è stata ricevuta dall'Arcivescovo della... Leggi tutto...

Comunicati stampa

URGENTE ESPROPRI SEI: ECCO COME OPPORSI
Venerdì 01 Agosto 2014
Vincolo preordinato d’esproprio per elettrodotto SEI: ecco come opporsi.   Nonostante la ferma opposizione dei territori e delle istituzioni a... Leggi tutto...
Immagine
GREENPEACE A REGGIO CALABRIA PER LANCIARE UN CHIARO MESSAGGIO: “NIENTE CARBONE A SALINE JONICHE”
Martedì 08 Luglio 2014
“Non è un paese per fossili” è lo slogan dell’ultima campagna a favore delle energie rinnovabili che Greenpeace promuove a bordo della... Leggi tutto...
Immagine
NON CI ARRENDIAMO!
Domenica 04 Maggio 2014
La società SEI S.p.A., in persona del suo legale rappresentante p.t. Dott. Fabio Bocchiola, rappresentata e difesa dagli Avv. Renato G. Vitetta e... Leggi tutto...
Immagine
Centrale a carbone: Repower ammette fallimento
Martedì 22 Aprile 2014
La centrale a carbone di Saline Joniche è un pessimo affare, lo sa bene la Repower, socia di maggioranza della SEI S.p.A., che nel suo “rapporto... Leggi tutto...
Immagine
L'Emilia Romagna non ci sta: HERA esca dal progetto SEI di Saline Joniche
Mercoledì 09 Aprile 2014
“Gli analisti di credito Vontobel hanno declassato il gruppo energetico Repower. Il  risultato operativo risulta al di sotto delle aspettative e... Leggi tutto...

Documentazione

Documentazione scientifica
Mercoledì 02 Novembre 2011
• RELAZIONE SU INQUINAMENTO E SALUTE IN PROVINCIA DI SAVONA Ordine dei Medici chirurghi e degli odontoiatri della provincia di SavonaAnno 2010 -... Leggi tutto...

Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps hosting Valid XHTML and CSS. Realizzazione Ing. Fabio L. Macheda